1500 Ristoranti in Danimarca accettano Bitcoin

Hungry.dk, un portale danese di cibo da asporto online che gestisce gli ordini da oltre 1.500 ristoranti in Danimarca, accetta bitcoin (BTC) come pagamento. Il portale take-away ha accettato BTC dal 2014, tuttavia, l’anno scorso ha deciso di interrompere temporaneamente l’uso della criptovaluta a causa di tempi di elaborazione delle transazioni molto lunghi.

Uno dei rappresentanti di Hungry.dk ha riferito:

Abbiamo accettato bitcoin come metodo di pagamento per un bel po ‘di tempo. Abbiamo deciso di rimuovere temporaneamente la funzione l’anno scorso, anche se il tempo medio di transazione è stato troppo lungo e l’esperienza non è stata la migliore.

Tuttavia, il rappresentante ha affermato che i problemi sono stati risolti e che Hungry.dk ha aggiunto di nuovo l’opzione di pagamento BTC. Così ora i clienti possono pagare dagli oltre 1.500 ristoranti del portale con la criptovaluta principale.

Oltre 13.000 sedi in tutto il mondo accettano ora Bitcoin

Attualmente, ci sono oltre 13.000 sedi in tutto il mondo che accettano pagamenti BTC, secondo la ricerca dell’analista blockchain Larry Cermak. Dei 13.000 commercianti che sono stati collocati in categorie specifiche (circa la metà del totale), il maggior numero di sedi che accettano bitcoin sono negozi di acquisto generali (35,1%).

In secondo luogo, in termini percentuali, sono gli sportelli automatici: il 13,5% di loro prende globalmente BTC. Nel frattempo, al terzo posto ci sono i servizi di alloggio, con il 9,7% di loro in tutto il mondo che accetta bitcoin.

Altri risultati degni di nota della ricerca mostrano che circa il 52% dei siti di accettazione di bitcoin ha iniziato a prendere valuta digitale tra il 2013-2015. Il rapporto rivela inoltre che la maggior parte dei commercianti ha iniziato ad accettare BTC nel 2014, ma a causa della lentezza dell’attività, molti commercianti hanno smesso di accettarli tra il 2017 e 2018.

È interessante notare che “una ripartizione mensile” di quando sono stati aggiunti nuovi commercianti indica che esiste una correlazione tra la volatilità di BTC e il numero di commercianti che hanno iniziato a prendere bitcoin come metodo di pagamento. Quando non si considera la volatilità nell’attuale mercato ribassista, la correlazione (positiva) inizia a rafforzarsi.

Slovenia e Repubblica Ceca

[La forte correlazione tra l’aumento dei tassi di accettazione di BTC e i movimenti positivi dei prezzi] indica che con l’aumento dei prezzi del bitcoin, più commercianti inizieranno ad accettare bitcoin come pagamento; forse perché un aumento del prezzo indica una maggiore domanda e quindi una maggiore probabilità che qualcuno pagherà effettivamente con bitcoin.

Nell’esaminare la distribuzione geografica, gli Stati Uniti rappresentano circa il 27% di tutte le sedi che accettano BTC. Altri luoghi in tutto il mondo che hanno un numero relativamente elevato di commercianti che accettano bitcoin includono Brasile, Spagna, Germania, Canada e Italia – secondo i dati della ricerca.

Guardare i numeri in termini di popolazione mostra che gli Stati Uniti sono al 21 ° posto in quanto vi sono solo 8,7 sedi per milione di persone nel paese che prendono il BTC. In particolare, le due principali nazioni nei paesi che accettano i bitcoin pro capite sono la Slovenia al 41,6 per milione e la Repubblica Ceca al 32,6.

Iscriviti al Canale Telegram per ricevere le news ---> CLICCA QUI
 

COME INIZIARE CON LE CRIPTOVALUTE

PER ISCRIZIONE: CLICCA QUI

l 65% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading con CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. I Cryptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.
TOP 10 Risorse Utili:
The following two tabs change content below.
Filippo Martin

Filippo Martin

Filippo Martin – Fondatore, editore, design, direttore editoriale Giornalista pubblicista, gestisce numerosi siti web. Web Content e Web Designer da 7 anni, appassionato di finanza, tecnologia e criptovalute

Leave a Reply

×