A Cosa servono i Bitcoin?

A Cosa servono i Bitcoin?

A Cosa servono i Bitcoin?

A cosa servono i Bitcoin e che cosa sono

I Bitcoin sono la prima moneta digitale a essere apparsa sul mercato finanziario. Si tratta di una criptovaluta, cioè una moneta nascosta di natura virtuale che può essere usata senza alcun problema come valida alternativa alle valute correnti, ad esempio il dollaro statunitense, l’euro, lo yen e la sterlina britannica. In genere si può dire che i Bitcoin hanno aperto la strada alle altre monete digitali e che oggi rappresentano la criptovaluta più famosa, apprezzata e dalle più alte quotazioni sul mercato.

Proprio per questo motivo viene usata molto spesso per transazioni che hanno come oggetto speculazioni e guadagni basati sui cambi tra criptovalute oppure tra queste e le monete correnti. Al giorno d’oggi i Bitcoin sono soltanto una delle tante monete virtuali esistenti, tuttavia la loro notorietà e il loro successo rimangono incontrastati.

La loro diffusione è legata al fatto che riescono a combinare protezione della privacy e innovazione tecnologica. Proprio per questo motivo sono sempre più numerosi i negozi in tutto il mondo che accettano come modalità di pagamento questa criptovaluta. Tuttavia bisogna tenere a mente che in alcuni Stati (ad esempio, Cina e Giappone) i Bitcoin sono illegali per le loro stesse caratteristiche, che li rendono indipendenti da qualunque organismo oppure banca e non soggetti a controlli di enti centrali.

ACQUISTA E VENDI BITCOIN SU ETORO —> Clicca qui

Quali sono le caratteristiche dei Bitcoin

Poiché sono monete digitali, i Bitcoin esistono soltanto a livello virtuale e non possono rappresentare una valuta concreta. Al tempo stesso non vengono emessi da una banca, bensì da un sistema di calcolo informatico che non ha un proprietario oppure un controllore gerarchico.

Sono determinati e complessi processi di calcolo a portare alla creazione dei Bitcoin e il loro numero è soggetto a un andamento di crescita che segue un prestabilito pattern. Al momento i Bitcoin sul mercato rappresentano un valore che supera i 2 miliardi di dollari. In base alle indicazioni e alla programmazione del sistema che si occupa della loro creazione, queste criptovalute verranno emesse in numero crescente fino a quando non si arriverà a 21 miliardi di monete. Secondo le stime degli esperti questo obiettivo sarà raggiunto 2040.

Da quel momento il numero dei Bitcoin in circolazione non potrà aumentare oppure diminuire. Il nome dell’inventore di questa valuta digitale è protetto dall’anonimato perché il suo sviluppatore è conosciuto con lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto.

Le caratteristiche che permettono di distinguere e identificare i Bitcoin dalle altre valute digitali sono:

– sono stati i primi a essere immessi sul mercato. Di conseguenza le altre criptovalute sono indicate come monete alternative;

– l’accesso e l’utilizzo dei Bitcoin è subordinato al possesso da parte del loro titolare delle credenziali per l’hardware nel quale le monete virtuali sono state memorizzate. Nel caso in cui questi dati d’accesso vengano persi i Bitcoin diventano inutilizzabili per sempre. Le stime parlano di Bitcoin per oltre 30 miliardi di dollari che sono stati persi in questa maniera;

– sono protetti dal rischio di furto perché possono essere sottoposti a un processo di cold storage (cioè conservazione a freddo) perchè si possono memorizzare offline sull’hardware locale della persona che li ha acquistati. Differentemente, se si opta per un processo di conservazione hot storage (conservazione su internet), esiste il rischio che le monete digitali vengano rubate;

– i Bitcoin vengono usati per transazioni elettroniche a livello globale in forma anonima e istantanea;

– rappresentano una valuta digitale che è indipendente da qualunque autorità statale e bancaria. Di conseguenza non possono essere confiscati. Al tempo stesso il valore del Bitcoin consiste nella stessa quotazione della moneta digitale, che non può essere convertita in metallo prezioso come accade invece per le monete emesse da uno Stato e supportate dalle riserve auree governative;

– si tratta di una valuta autonoma, non regolamentata, non collateralizzata e decentralizzata. Anche per questo motivo il valore dei Bitcoin può raggiungere livelli molto elevati, tuttavia la quotazione di questa criptovaluta è soggetta a fluttuazioni incisive. Questo elemento da un lato è indice di instabilità, dall’altro è uno dei motivi per cui i Bitcoin sono molto apprezzati per le speculazioni monetarie e per il trading online basato sui cambi.

ACQUISTA E VENDI BITCOIN SU ETORO —> Clicca qui

Come si originano i Bitcoin

La creazione dei Bitcoin è legato al concetto di mining, cioè l’estrazione delle monete digitali dal sistema di calcolo informatico. Questo processo viene eseguito dai miners, che corrispondono a un’enorme rete di persone e società che aderiscono con modalità peer-to-peer al network.

Si tratta di un’attività libera e consente di mettere il proprio personal computer al servizio della rete Bitcoin per la produzione delle criptovalute e per la sorvegllanza dei registri pubblici che supervisionano le modalità di mining. L’obiettivo è evitare che non siano presenti due Bitcoin identificati con lo stesso numero e che le transazione avvengano rapidamente.

Il processo avviene tramite algoritmi e la crescente complessità del sistema ha comportato una restrizione dei potenziali partecipanti per ragioni tecniche e logistiche. Infatti possono supportare calcoli di questo livello di difficoltà soltanto ai possessori di un hardware specializzato.

I miners vengono pagati per l’attività che svolgono percependo frazioni di Bitcoin nella misura e nella quantità del tempo che hanno messo a disposizione del network. Infatti la distribuzione delle nuove monete digitali avviene in base al contributo offerto da ogni miner e la determinazione è effettuata dagli agenti di calcolo.

Come usare i Bitcoin

I Bitcoin possono essere usati per un’ampia gamma di operazioni e transazioni, ad esempio:

– possono essere scambiati con altre criptovalute oppure con monete correnti. Si ricorda che le banche centrali non possono influenzare l’andamento e la quotazione di questa valuta digitale perché è autonoma per quanto riguarda il suo valore;

 

ACQUISTA E VENDI BITCOIN SU ETORO —> Clicca qui

– possono essere utilizzati come una vera e propria moneta d’acquisto presso gli operatori che li accettano come mezzi di pagamento. Di conseguenza servono per acquistare beni e servizi online;

– effettuare trading online. Questa modalità può assumere due forme. La prima consiste nel giocare sui cambi; la seconda, invece, prevede il deposito dei Bitcoin in attesa che la loro quotazione aumenti per poi scambiarli con una valuta corrente. Per questo motivo è bene controllare giornalmente quale sia il valore dei Bitcoin sui principali siti che si occupano degli scambi.

Per poter operare con i Bitcoin è necessario avere un wallet, cioè un portafoglio digitale personale che assume l’aspetto di un vero e proprio database da archiviare sul cloud, sul proprio tablet, smartphone oppure computer a seconda delle proprie esigenze.

Per aprire un conto Bitcoin è quindi necessario compiere diverse operazioni, che tuttavia risultano essere molto semplici e veloci. Il primo passo consiste nell’installare sul dispositivo che si vuole utilizzare per compiere le transazioni (PC, smartphone oppure tablet) un software apposito che sia in grado di sostenere il file wallet.

L’utente può scegliere tra varie opzioni. Alcune sono generiche per tutti i tipi di conto, mentre altre rispondono pienamente alle particolari esigenze della persona che apre il conto wallet. A questo punto l’operazione risulta molto elementare perché è sufficiente accedere al sito dell’operatore a cui ci si vuole rivolgere per effettuare le transazioni.

Quindi basta registrarsi e seguire le indicazioni che compaiono sulla schermata. Si ricorda che le condizioni di utilizzo variano a seconda del sistema prescelto. In alternativa, si può aprire un wallet presso lo stesso network Bitcoin seguendo le istruzioni che vengono date dal sistema.

Si tratta di un ottimo supporto che consente di ottimizzare i tempi per ogni fase, dalla scelta della password da abbinare all’identificativo utente all’acquisto dei Bitcoin. Quando il portafoglio personale sarà operativo si potranno eseguire tutte le transazioni e i pagamenti ammessi.

ACQUISTA E VENDI BITCOIN SU ETORO —> Clicca qui

Lascia un commento