Bitcoin ETF non “Inevitabile”, ma “Sicuramente possibile” da parte della SEC


Sebbene non sia “inevitabile”, in futuro un fondo scambiato in Bitcoin (ETF) è “sicuramente possibile”, a causa dell’alto livello di interesse e della quantità di energia che viene versata per realizzarlo, ha dichiarato la Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti. commissario Hester Peirce. Questi commenti sono giunti durante una recente intervista con Peter McCormack sul suo podcast What Bitcoin Did.

Il commissario Peirce è diventato una figura degna di nota tra gli entusiasti della criptovaluta la scorsa estate, apparentemente dall’oggi al domani, a causa della sua opinione dissenziente solitaria riguardo al prodotto negato Winklevoss Bitcoin Trust, il BZX. Gli argomenti erano molto diversi, ma per molti ascoltatori il più importante era sicuramente lo stato e il processo delle approvazioni dell’ETF.

Una delle preoccupazioni attuali e forse la preoccupazione principale della SEC quando si tratta di approvare un ETF di criptovaluta, è la paura non solo che i mercati che li commerciano possano essere manipolati, ma che questa manipolazione non sia rilevabile in un preciso modo.

Nel rifiuto della SEC del BZX, la frase “un accordo di condivisione della sorveglianza con un mercato regolamentato di dimensioni significative” appare dozzine di volte in una forma o nell’altra, sottolineando questo prerequisito per essere in grado di monitorare in modo efficace il trading di una attività. E anche se il BZX doveva essere quotato sull’ exchange Gemini, uno scambio regolamentato dello Stato di New York e aveva un accordo di condivisione della sorveglianza con Gemini, la SEC alla fine declamava che l’exchange Gemini, in effetti, non era “di dimensioni significative”.

In breve, il mercato dei bitcoin “sottostante” (tutto ciò che non era negoziato su Gemini) era troppo fuori dalla portata dei regolatori della SEC per incontrarsi con la loro approvazione.

Peirce non era d’accordo con i suoi colleghi in questo senso, e ha toccato il suo disaccordo durante l’intervista. Sembra essere in gran parte dalla parte dei Gemelli Winklevoss , ricordando che “chiaramente Gemini ha pensato alle caratteristiche uniche del mercato sottostante, e hanno cercato di capire come il loro prodotto funzionerà tenendo conto di queste caratteristiche.

Una domanda inevitabile a cui è stata rivolta, in merito alla possibilità di approvare un ETF bitcoin in futuro, ha risposto Peirce con una speranza burocratica di copertura:

Penso che ci sia un grande interesse da parte degli investitori, dalle istituzioni e dal commercio al dettaglio, dalla comunità degli exchange e dagli sponsor. Quindi penso che ci sia un sacco di capitale intellettuale destinato ad affrontare alcune delle preoccupazioni della SEC. Stiamo facendo esperienza, le cose si stanno sviluppando man mano. Posso dire che, data la quantità di tempo ed energia trascorsi in quest’area, penso che sia sicuramente possibile che potremmo vedere prodotti basati su criptovalute.

 

Lascia un commento

Come iniziare con BitcoinScopri di più