Coinbase Pro ha annunciato il listing di Stellar Lumens

Vota questo articolo

IL MIO NUOVO CORSO ONLINE!

Il noto Exchange americano Coinbase Pro ha annunciato sul proprio account Twitter il listing della criptovaluta Stellar Lumens (XLM). Scopriamo in questo articolo tutti i dettagli della news.

Che cos’è Stellar Lumens?

Stellar Lumens è una criptovaluta, ossia una moneta virtuale che sfrutta una rete decentralizzata per eseguire transazioni finanziarie protette.

La criptovaluta Stellar Lumens era stata creata già nel 2014 da una start up californiana con il solo nome di Stellar, a cui si aggiunse successivamente l’appellativo Lumens per evitare di generare confusione tra la moneta virtuale e il network stellar.org.

Dietro il processo di creazione di Stellar Lumen è possibile rintracciare un’organizzazione no profit denominata Stellar Development Foundation.

Il lancio di questa nuova criptovaluta è stato annunciato su Twitter da Coinbase Pro e fa seguito all’ultima che era stata presentata lo scorso 25 febbraio.

Già nel 2018 l’azienda aveva comunicato la sua volontà di valutare delle monete digitali da inserire nella piattaforma: la 0x (ZPX), la BAT e la stessa Stellar Lumen.

Di quest’ultima oggi è abilitato il deposito ma non ancora il transfer-only-mode, altrimenti detto Trading, questo verrà attivato successivamente.

Al momento dell’annuncio sulla piattaforma Stellar Lumens ha subito un apprezzamento del 3% ad un prezzo di scambio di circa 0.108 dollari.

La capitalizzazione di questa moneta è valutata intorno ai 2,08 miliardi di dollari ed è collocata all’ottavo posto sul MarketCap globale.
ACQUISTA E VENDI BITCOIN SULLA PIATTAFORMA LEADER MONDIALE: CLICCA QUI

Come funziona Stellar Lumens?

Stellar Lumens funziona su una rete di servizi decentralizzati basati su un consorzio di utenti ed entità di respiro internazionale.

Tutti questi server generano un controllo che serve a rintracciare tutti i dati e tutte le transazioni effettuate in rete.

Per utilizzare questa moneta bisogna caricare fondi monetari su una piattaforma digitale: per la criptovaluta Stellar è applicato un costo di transazione antispam pari a 0,0001 Lumen che dà garanzia dell’account stesso.

Inoltre, altra caratteristica fondamentale è l’aumento del valore del Lumen dell’1% annuo.

http://track.adform.net/adfserve/?bn=27530589;1x1inv=1;srctype=3;ord=[timestamp]

All’inizio del suo lancio la criptovaluta Stellar Lumens, la sua quotazione era più stabile meno soggetta a repentine fluttuazioni.

Dal 2017 al 2018 ha avuto un sostanziale aumento per poi crollare ed assumere un andamento simile a quello di tutte le altre criptovalute in circolazione.

Differenze tra Bitcoin e Stellar Lumens

Il paragone tra Stellar Lumens e i popolarissimi Bitcoin è immediato: innanzitutto i Bitcoin sono necessariamente minati cioè devono essere generati attraverso un procedimento tecnico detto mining.

I Lumens sono invece creati dal lancio del network e quindi la loro distribuzione è predeterminata secondo la seguente procedura: 95% distribuiti nell’arco di 10 anni e il restante 5% che rimarrà alla piattaforma Stellar.

La seconda differenza sta nel fatto che Stellar Lumens garantisce, rispetto ai Bitcoin, transazioni molto più rapide: bastano pochi secondi grazie al protocollo ideato appositamente da Stellar.

Iscriviti al Canale Telegram per ricevere le news ---> CLICCA QUI
 

COME INIZIARE CON BITCOIN E CRIPTOVALUTE

PER ISCRIZIONE: CLICCA QUI

ll 76% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro nel trading con CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se comprendi come funzionano i CFD e se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi. I Cryptoasset sono prodotti di investimento non regolamentati altamente volatili. Nessuna protezione degli investitori dell’UE.
TOP 9 Risorse Utili:
The following two tabs change content below.
Jacqueline Facconti

Jacqueline Facconti

Jacqueline Facconti - Redattrice, sezione Finanza, Tasse, Economia Laureata in Economia Aziendale con 110 e Lode presso l'Università di Pisa, redattrice anche Money.it, Lettera43, Notizie.it

Leave a Reply