Compra Criptovalute: Come e Dove farlo in sicurezza

L’acquisto di criptovalute è una opzione sempre più praticata in ogni parte del mondo. Anche nel nostro Paese sono molti coloro che iniziano a guardare con interesse alla possibilità di investire in asset digitali. Un interesse che trae la sua origine da una serie di caratteristiche delle monete virtuali, alcune già emerse in passato e altre che stanno venendo in superficie.

Nella prima categoria rientra il fatto che il mercato delle cryptocurrency si sta facendo notare per la sua notevole liquidità. La capitalizzazione delle divise virtuali più note raggiunge livelli molto elevati, tali da spingere molti investitori a prendere in considerazione l’idea di cercare di approfittarne.

Altra caratteristica già nota è poi la volatilità delle quotazioni, non solo del Bitcoin, ma anche di altri progetti reputati promettenti a vari livelli. Non è raro il caso di valute digitali che in pochi messi aumentano in maniera esponenziale la loro quotazione, per poi flettere in maniera rovinosa.

Compra Criptovalute

Compra Criptovalute

NON PERDERTI LA MIA GUIDA: Come fare trading con le Criptovalute con i CFD

Nel campo delle caratteristiche che stanno emergendo, anche in maniera inaspettata, occorre invece ricordare la trasformazione del Bitcoin in un bene rifugio. Alla stregua dell’oro, infatti, BTC vede aumentare la sua quotazione in corrispondenza di crisi geopolitiche, spingendo molti investitori ad acquistarlo per mettersi al riparo dall’instabilità.

Come è successo nelle ultime settimane, quando la regina delle criptovalute ha fatto registrare un avvicinamento a quota 11mila dollari, spinta dalla guerra dei dazi tra Stati Uniti e Cina e dai timori per la Brexit, ovvero la fuoriuscita del Regno Unito dall’Unione Europea senza un preventivo accordo.

Perché comprare criptovalute?

La domanda chiave da porsi in questo momento, da chi è interessato ad un investimento di questo genere, è la seguente: perché comprare criptovalute?
Una delle possibili risposte va individuata in una serie di fattori politici internazionali i quali sembrano fatti apposta per far salire la quotazione non solo del Bitcoin, ma anche delle altre monete digitali principali, a partire da Ethereum.
Tra questi fattori ce n’è uno che è venuto ad aggiungersi nelle ultime ore, ovvero la guerra dei dazi tra Stati Uniti e Unione Europea. Si tratta di una questione di vecchia data, legata ai finanziamenti di alcuni Paesi UE a Airbus, azienda che produce aerei civili e da guerra.

I sussidi in questione sono stati da tempo denunciati da Washington e una recente sentenza del World Trade Organization (WTO) ha dato ragione al governo statunitense. Trump può ora decidere su quali prodotti europei adottare sanzioni che potrebbero arrivare a 10 miliardi di dollari. Se l’UE chiede un accordo in grado di evitare crisi, non è dello stesso avviso l’attuale inquilino della Casa Bianca. Nel conflitto commerciale che ne potrebbe conseguire, un eventuale indebolimento dell’euro avrebbe, secondo gli analisti, la conseguenza di spingere un notevole numero di investitori europei ad optare per Bitcoin e Altcoin. Un dato che occorre tenere presente se si intende fare la stessa cosa.

Come comprare criptovalute senza correre rischi?

Il fenomeno delle criptovalute è considerato alla stregua di una bolla che prima o poi potrebbe scoppiare. Si tratta però di un trend che nel corso degli ultimi anni ha fatto molto discutere l’opinione pubblica. La popolarità di BTC e le tante polemiche che lo circondano, hanno avuto tra gli effetti indesiderati quello di spingere molti truffatori a mettersi in azione.

Il segnale più evidente di quanto sta accadendo può essere facilmente ravvisato nelle comunicazioni di posta elettronica in cui si promettono mirabolanti guadagni tramite l’investimento in Bitcoin. Si tratta appunto di truffe, in quanto nessuno possiede la bacchetta magica in grado di far salire all’infinito la quotazione della moneta virtuale.
Se si ha intenzione di comprare criptovalute, la prima cosa da fare è cercare di individuare gli strumenti che possono evitare imboscate da parte di chi fa della truffa una vera e propria arte. Il primo di questi non può che essere l’exchange.

L’acquisto di criptovalute tramite exchange

Chi compra criptovalute, solitamente lo fa utilizzando l’exchange, ovvero uno di quei siti che svolgono la mansione di agente di cambio online. Perché sono in grado di assicurare sicurezza ai propri clienti? Per il semplice fatto che per poter operare devono richiedere una licenza agli enti preposti alla vigilanza dei mercati finanziari.

Va però precisato che si tratta di una sicurezza non assoluta, in quanto anche gli exchange possono fallire, con la pratica scomparsa dei soldi investiti dalla propria clientela. Come è accaduto a Mt. Gox, il più popolare cambiavalute online fallito nel 2014 al termine di mesi nel corso dei quali aveva dato ripetute prove di scarsa sicurezza.

Una vicenda abbastanza clamorosa, di cui si è molto discusso e che comunque prova che evitare truffe non è impossibile, a patto di informarsi. Mt. Gox, infatti, era stato più volte segnalato da chi opera seriamente nel settore degli asset digitali, con ripetuti inviti a non investirci, disattesi da chi poi fu travolto dal crollo.

PER REGISTRARTI SU COINBASE E RICEVERE 10 $ OMAGGIO —> CLICCA QUI

L’acquisto di criptovalute da privati: occorre fare molta attenzione

Altro modo di comprare monete virtuali è poi quello che si realizza mediante una contrattazione tra privati. Solitamente il contatto tra le due parti viene a realizzarsi su siti e forum espressamente dedicati a questo genere di operazioni. Anche in questo caso, però, gli esperti consigliano il massimo di prudenza, perché non si può sapere chi ci sia realmente dall’altra e la reale provenienza delle criptovalute. Il rischio di rimanere implicati in operazioni illegali, a propria insaputa, è molto elevato, a meno che non si conosca bene il proprio interlocutore.

Occorre dotarsi di un wallet

Che si decida di acquistare criptovalute da un exchange o da un privato, occorre comunque ricordare che prima di farlo è necessario dotarsi di un wallet, ovvero di un portafogli elettronico in cui potranno essere conservate.

Si tratta in pratica di un software da installare sul proprio personal computer o sullo smartphone, il quale consente di conservare i propri Bitcoin o altre monete virtuali facendo in modo che eventuali attacchi di hacker possano essere respinti. Il wallet provvede alla creazione e alla memorizzazione della chiave privata associata ad una pubblica. Una volta avviata la transazione, il software va in pratica a creare una firma digitale registrando la transazione con una chiave privata. A mettere in sicurezza il sistema è il fatto che proprio l’utilizzazione della chiave privata associata rappresenta la sola maniera per generare una firma valida per poter accedere alle proprie criptovalute.

Occorre però fare attenzione, in quanto la perdita della chiave privata impedisce di accedere al portafogli digitale. Il modo migliore per evitare ipotesi di questo genere è quello di custodire la stessa in posti segreti, senza mai rivelarla, impedendo così accessi sgraditi.

Esistono wallet offline ma anche online come Coinbase.

PER REGISTRARTI SU COINBASE E RICEVERE 10 $ OMAGGIO —> CLICCA QUI

Investire in criptovalute senza possederle direttamente

L’acquisto diretto di cryptocurrency non rappresenta comunque la sola possibilità di partecipare a quello che è a tutti gli effetti un business in ascesa. Chi guarda con fastidio alle operazioni necessarie all’installazione di un wallet o teme che possa essere il cavallo di Troia per attacchi informatici, può infatti ripiegare sul trading online. Tutti i maggiori broker del settore, infatti, offrono ormai CFD (Contracts for Difference) sulle maggiori monete virtuali, che possono offrire vantaggi di non poco conto.

Il primo è quello di poter guadagnare non solo da un rialzo della quotazione dell’asset, come avviene nel caso del possesso diretto, ma anche ove essa perda terreno sui mercati finanziari nel periodo intercorrente tra l’apertura del contratto e la sua scadenza.

In pratica occorre capire se una determinata criptovaluta abbia di fronte a sè prospettive di crescita o meno e scommetterci sopra. Per farlo non è necessario acquistare il bene, in quanto i CFD sono strumenti derivati coi quali si opera l’investimento su un sottostante. Un modo di puntare sulle criptovalute che sta diventando sempre più popolare a livello globale.

NON PERDERTI LA MIA GUIDA: Come fare trading con le Criptovalute con i CFD

Lascia un commento

Come iniziare con BitcoinScopri di più