eToro annuncia Gooddollar, criptovaluta non speculativa basata su Blockchain

COMUNICATO STAMPA

L’esperimento mira a creare una criptovaluta non speculativa che ha lo scopo di ridurre la disuguaglianza economica, usando la blockchain

  • GoodDollar è un progetto open source

  • eToro annuncia un investimento di 1 milione di dollari e chiama a raccolta “personalità, ambassador e finanziatori” per unirsi a questo esperimento globale

Roma, 8 novembre 2018eToro, la piattaforma globale di investimento, ha annunciato oggi il lancio dell’esperimento GoodDollar, grazie a un investimento di 1 milione di dollari. L’azienda chiede anche a più partner di contribuire all’iniziativa che ha come scopo quello di ridurre la disuguaglianza economica attraverso le nuove tecnologie legate alla blockchain. L’esperimento cercherà di implementare una criptovaluta in grado di: garantire interessi “sociali” a chi ne ha bisogno; essere distribuita in modo continuativo e gratuitamente a ogni utente verificato e creare un reddito di base globale (UBI – Universal Basic Income), aperto e universale.

—> UNISCITI A MILIONI DI TRADER SU eToro

Yoni Assia, Co-fondatore e CEO i eToro, ha dichiarato: “Il successo delle nuove tecnologie non dovrebbe essere misurato solo attraverso la loro abilità di far crescere nuove aziende e sradicare quelle che non rimangono al passo, ma anche attraverso la loro capacità di cambiare positivamente il mondo in cui si inseriscono. Troppo spesso, infatti, la tecnologia si è concentrata sul generare un valore commerciale piuttosto che puntare sul valore sociale. La tecnologia invece dovrebbe essere usata per affrontare le grandi sfide dei nostri tempi. Un concetto particolarmente vero per la blockchain, che è stata sfruttata in modi molto creativi, ma non è ancora stata usata per affrontare davvero le grandi sfide che ci troviamo davanti”.

L’esperimento GoodDollar rappresenta un invito all’intera comunità globale per ripensare il quadro economico esistente. GoodDollar mira a creare una criptovaluta non speculativa che ha lo scopo di trovare il modo per ridurre la disuguaglianza economica su scala mondiale. È generata attraverso un meccanismo di distribuzione UBI suddiviso tramite contratti smart.

La disuguaglianza è la sfida economica cruciale del nostro tempo. Nel 2017, appena l’1% della popolazione possedeva più della metà della ricchezza mondiale. Con l’aumento ella disoccupazione tecnologica, il settore ha bisogno di trovare soluzioni per chi ha minori possibilità di partecipare alla vita economica e fare di tutto per raggiungere questo obiettivo”.

Vediamo che c’è sempre maggiore interesse sul tema tra gli imprenditori tecnologici, come Mark Zuckerberg o Elon Musk, che hanno capito il ruolo centrale della distribuzione della ricchezza e vogliono creare un sistema di ricerca per capire come la tecnologia può essere parte integrante della risoluzione del problema”.

La fusione della tecnologia blockchain, il crescente supporto per UBI e la consapevolezza che la disuguaglianza economica debba essere ridotta, possono contribuire a un nuovo sistema economico globale che potrebbe dare a tutti la libertà finanziaria di perseguire i loro obiettivi e la loro felicità” – continua Yoni Assia.

—> UNISCITI A MILIONI DI TRADER SU eToro

L’idea di affrontare la disuguaglianza economica è venuta a Yoni Assia, co-fondatore e CEO di eToro, circa 10 anni fa, leggendo un articolo pubblicato a Novembre 2008 dal titolo:The Visible Hand’. Oggi la sua visione sta per diventare realtà grazie a un team di persone a Tel Aviv, Londra, e ovunque esistano persone con la giusta sensibilità sul tema.

Crediamo di poter creare una criptovaluta di massa progettata per ridurre la disuguaglianza e fornire un reddito di base universale. Ingegneri, product designer ed economisti sono al momento all’opera per sviluppare un prototipo. Oggi siamo solo al primo passo di un lungo e ambizioso cammino”.

Vorrei inviare altri partner a partecipare insieme a noi a questo importante esperimento. Siamo alla ricerca di esperti nel campo dell’identità decentralizzata, della governance, dell’adozione globale e locale di prodotti finanziari e della distribuzione della ricchezza. Cerchiamo anche ambassador che ci possano aiutare a diffondere la conoscenza del progetto in tutto il mondo e finanziatori che ci possano supportare nel distribuire il GoodDollar. Quindi se non vedete l’ora di usare la tecnologia per fini sociali, per favore contattateci” – ha concluso Yoni Assia.

* Fonte: Credit Suisse Wealth Report, November 2017. A Ottobre 2018, lo 0,7% degli indirizzi detiene fino all’87% del totale di bitcoin – Fonte: BitInfoCharts, October 2018.

Maggiori informazioni sul GoodDollar

Sui GoodDollar

L’obiettivo dei GoodDollar è quello di creare un nuovo quadro economico con una criptovaluta accessibile a tutti. La criptovaluta sarà realizzata e distribuita gratuitamente a chiunque, in base alla verifica dell’identità sociale sulla blockchain. La valuta avrà un interesse / inflazione sociale incorporata, che dà di più a chi ne ha di meno.

Il progetto è stato finanziato da eToro attraverso una donazione di 1 milione di dollari ed è incubato dall’azienda nella sede di Londra e Tel Aviv.

—> UNISCITI A MILIONI DI TRADER SU eToro

Iscriviti al Canale Telegram di Filippo Martin per ricevere news CLICCA QUI
TOP 10 Risorse Utili:

COME INIZIARE CON LE CRIPTOVALUTE

PER ISCRIZIONE: CLICCA QUI

Il tuo capitale è a rischio
The following two tabs change content below.
Filippo Martin

Filippo Martin

Filippo Martin – Fondatore, editore, design, direttore editoriale Giornalista pubblicista, gestisce numerosi siti web. Web Content e Web Designer da 7 anni, appassionato di finanza, tecnologia e criptovalute

Leave a Reply

×