ICO Genie, il primo Exchange Pan-Asiatico al mondo

Genie si espande in nuovi mercati attraverso una nuova partnership strategica

All’inizio di questo mese, la ICO Genie, che ha già raccolto 2 milioni di dollari durante la fase di prevendita, ha compiuto un altro passo verso il suo obiettivo, ovvero quello di costruire il più grande exchange in Asia che collega i provider di capitale con piccole e medie imprese imprese (PMI).

Hanno annunciato che uniranno le loro forze con LDJ Capital, che ha già una presenza negli Stati Uniti, in Asia, nel Medio Oriente e in Europa, e prevede di espandersi in Australia e Africa. La partnership coinvolgerà il fondo LDJ Cayman di 200 milioni di dollari, che si concentra su criptovaluta, mining e acquisizioni ICO, insieme a LDJ Capital Credit, che offre finanziamenti ponte per seminare imminenti ICO per le PMI.

Con l’intenzione di espandersi in altre regioni come Australia, India, Nuova Zelanda e potenzialmente Giappone e Corea, l’obiettivo della ICO Genie, è quello di conquistare il considerevole mercato finanziario alternativo. Ciò rende naturale la loro partnership strategica con LDJ Capital.

Il presidente e co-fondatore di LDJ, David Drake, si unisce a Genie come consigliere di amministrazione. Drake è noto e rispettato a livello internazionale, sia nei settori blockchain che finanziario, ed è stato coinvolto in investimenti in tecnologia, media, telecomunicazioni, cleantech, energia e impatto sociale per più di 25 anni.

Akshay Mehra, CEO e co-fondatore di Genie, afferma che la partnership contribuirà a rafforzare la capacità di Genie di collegare le PMI sottobanco con istituti di credito interessati ad aiutare la crescita di aziende che potrebbero non essere in grado di sbloccare finanziamenti tradizionali.

“Vogliamo creare un ecosistema di prestito senza frontiere attraverso la nostra piattaforma in cui i titolari di token possono investire in tutti i paesi”, afferma. “L’ampio background di LDJ Capital nel capitale di rischio e la consulenza sul finanziamento delle sementi ci aiuteranno a raggiungere quei mercati.”

Mehra si aspetta che il rapporto aiuterà Genie ad attirare più prestiti al loro Block Asset Exchange, che a sua volta aumenterà il volume delle transazioni.

Fondata nel 2016, Crowd Genie, la società collegata a quella che sta rilasciando i token, è già operativa a Singapore, il che dimostra che i loro processi interni sono già solidi. Sono una delle poche piattaforme P2P ad essere regolate dalla Monetary Authority of Singapore (MAS) e ad ottenere la licenza “Dealing in Securities“.

L’ obiettivo di Genie è quello di costruire una piattaforma di prestito focalizzato sulle PMI che attiri compratori di token stranieri che possono utilizzare CGCOIN per frazionare gli investimenti in varie aziende, tutti tracciati attraverso la blockchain del sistema. I titolari di CGCOIN saranno in grado di investire in attività in tutti i paesi e di scambiare prestiti commerciali o altre attività sul Genie Asset Exchange. Nel frattempo i mutuatari dovranno accedere agli sconti in base al numero di token che detengono.

La piattaforma verrà lanciata a settembre 2018 e il token CGCOIN sarà integrato nell’intero ecosistema Crowd Genie nei prossimi due anni. I vantaggi simbolici includeranno i riacquisti trimestrali insieme ad altri incentivi.

Il progetto sta attualmente conducendo l’ ICO, che è stato preparata con l’aiuto di ICOBox, il più grande fornitore al mondo di soluzioni ICO SaaS. La prevendita è terminata a gennaio. L’ICO pubblica è aperta dall 1 febbraio 2018 con un bonus del 25% offerto fino al 14 febbraio. La vendita di token continuerà fino al 28 febbraio 2018, con bonus decrescenti e un acquisto minimo di token di 40 CGCOIN.

Per maggiori informazioni su Genie, visitare www.genieico.net

Iscriviti al canale Telegram per notizie lampo CLICCA QUI
Seguimi anche su Facebook, YouTube, Instagram, Soundcloud Grazie per il tuo supporto!!!
Ti potrebbe interessare anche:

Add Comment

Iscriviti al mio Blog
Ricevi solo le news più importanti e interessanti!
Rispettiamo la tua privacy