In Venezuela Maduro ordina alle banche di adottare il Petro

Alle banche venezuelane è stato ordinato di usare il Petro, la criptovaluta lanciata dal governo Maduro, come unità di conto.

Hanno riferito martedì che “tutte le informazioni finanziarie” devono essere denominate sia nel bolivar, la valuta ufficiale del Venezuela, sia nel petro, che è stato presentato in modo controverso a dicembre. Il governo di Maduro ha affermato, senza prove, di aver raccolto miliardi di dollari durante una prevendita all’inizio di quest’anno, nonostante il rifiuto dei leader dell’opposizione nel paese e di critici internazionali, incluso il governo degli Stati Uniti.

In effetti, a marzo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha approvato nuove sanzioni contro il Venezuela che miravano specificamente al petro.

Lo sviluppo è l’ultimo mandato per uscire dal governo di Maduro relativo al petro. In precedenza era stato annunciato che la compagnia petrolifera Petróleos de Venezuela (PDVSA), di proprietà statale, comincerà ad usare il petro come unità di conto, ed i funzionari hanno anche ordinato che le pensioni e i salari finanziati dal governo siano pagati con la criptovaluta.

Le ultime notizie arrivano anche dopo un rapporto delle Nazioni Unite che afferma che dal 2014, 2,3 milioni di persone sono fuggite dal Venezuela durante la crisi economica del paese.

Lascia un commento