Le auto Diesel e Benzina non saranno più vendute. Intanto i prezzi aumentano

Tra un lasso di tempo che va da 10 a 15 anni, le auto diesel e benzina non saranno più vendute sempre se nel frattempo non cambieranno le leggi di Parigi. Si stima che tra 5-10 anni toccherà prima alle auto diesel che non verranno più vendute, per passare poi anche a quelle a benzina nel giro di 15 anni sempre secondo gli accordi di Parigi,

Sono molte ormai le soluzioni ecologiche sulle auto a partire dal biometano, auto ibride, auto elettriche e ad idrogeno.

Per spingere i consumatori a cambiare auto per acquistarne una ecologica, i costi di diesel e benzina aumenteranno a partire prima dal diesel e successivamente anche la benzina.

Questa nuova legge di Parigi non ha nessun scopo economico, ma è a tutela dell’ambiente visto che se non si corre ai ripari nel minor tempo possibile, si potranno creare danni irreversibili all’ambiente.

Ecco quindi che entro il 2028 secondo un recente rapporto del Deutsches Zentrum für Luft und Raumfahrt (DLR), il centro aerospaziale tedesco, commissionato da Greenpeace, le auto diesel non verranno più vendute per poi passare al divieto di vendita di quelle a benzina.

Governo e case automobilistiche collaboreranno a stretto contatto per investire in queste nuove tecnologie e produrre auto elettriche più economiche e con consumi ridotti di energia.

Il numero di auto a benzina e diesel circolanti in Europa si dovrà ridurre dell’ 80% entro il 2025 ecco perchè verranno adottate misure drastiche fino ad ora sempre pensate ma mai messe in atto.

Rincari su Diesel e Benzina ma non solo

Per incentivare l’acquisto di auto elettriche o ibride ci saranno molti rincari, a partire dal diesel e benzina stessi, ma anche su assicurazioni e bollo per le auto diesel.

Per il prossimo anno sono previsti tre rialzi per i carburanti, tanto che si potrebbe arrivare fino a 2 € a litro.

Iscriviti al Canale Telegram per ricevere le news ---> CLICCA QUI
  Disclaimer: filippomartin.com è un sito web con finalità informative e didattiche ed i contenuti presenti non rappresentano ne un consiglio di investimento ne devono essere intesi come sollecito alla raccolta di pubblico risparmio. Anche eventuali strumenti finanziari presenti nel sito web sono solo a scopo informativo e didattico. Inoltre i CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in breve tempo a causa alla leva. Tra il 66 % e l'89% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD. Dovresti quindi considerare i rischi di perdita di soldi. Inoltre le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.
LEGGI ANCHE:

Lascia un commento

Come iniziare con BitcoinScopri di più