MacOS High Sierra: poco rumore ma tanta sostanza

La nuova versione di MacOS ha deluso le aspettative dei fan di Apple, i quali attendevano una sostanziale evoluzione del sistema Apple, soprattutto a fronte delle innumerevoli novità portate da iOS11. In questa mini recensione analizziamo in breve come questa sottovalutata nuova versione di sistema ha invece portato importanti cambiamenti, ma “sotto il cofano, senza mettersi il vestito delle grandi occasioni”. High Sierra è un aggiornamento che va dritto al punto, senza fanfare inutili. Apple non può reinventare e reinventarsi ogni anno, ma può affinare ancora di più un sistema che già rasenta la perfezione. Vediamo come.

HFS++

L’aggiornamento più significativo è proprio quello che passa più in sordina. Parliamo del nuovo Apple File System (APFS) che va a sostituire il classico HFS+ in uso da Apple da più di 30 anni. Il nuovo file system promette più stabilità, protegge contro la perdita di dati, velocizza il servizio Time Machine e garantisce un sistema più responsivo ed in generale più sicuro. Inoltre il nuovo file system arriva con crittografia incorporata.

Grafica

Apple promette animazioni più fluide grazie a Metal 2. La migliore gestione della GPU sicuramente gioverà anche ai sistemi hardware più obsoleti. La casa di Cupertino cerca ancora una volta di accontentare le richieste dei videogiocatori che scelgono la piattaforma Apple ma che si sono spesso trovati, in passato, a dover ripiegare su sistemi Windows per poter godere di più potenza grafica. Apple questa volta non rimane a guardare e promette grafica robusta e supporto per la realtà virtuale.

Safari

Anche l’iconico browser della mela riceve aggiornamenti sostanziali mirati alla privacy e al blocco delle pubblicità intrusive. Il browser ora impedisce alle pubblicità di avviare audio senza autorizzazione. Inoltre l’Intelligent Tracking Prevention risolve il problema dei siti che tracciano le attività dell’utente per poi bombardarlo di pubblicità mirata.

Apple Photos e piccoli dettagli.

Apple Photos riceve gli aggiornamenti più visibili: una nuova sidebar che include la cronologia delle foto importate, con il resto dei media organizzati per categoria. La barra degli strumenti ora include schede che nuove opzioni di filtraggio dei contenuti. Le foto ora possono anche essere esportate semplicemente trascinandole sul desktop, una caratteristica semplice ed utile di cui però si sentiva la mancanza. Inoltre Apple ha ancora una volta potenziato l’editor delle foto che si avvicina sempre di più ad un programma semi professionale a se stante.

High Sierra non si ferma qui. Mail riceve piccoli aggiornamenti, cosi come Siri riceve una voce migliorata. Altri miglioramenti arrivano per Spotlight, Notes e per FaceTime che ora permette di scattare delle Live Photos.

High Sierra prepara Apple al futuro, si priva del capriccio di ambire ad innovazioni fatte male e solo per stupire e si concentra sul porre una base solida per gli aggiornamenti che arriveranno di anno in anno. Aggiornamenti che, bisogna ricordare, sono assolutamente gratuiti. Inoltre Apple dà la possibilità a chi è curioso di provare in anteprima le ultime novità del sistema, di iscriversi all’ Apple Beta Software Program disponibile a questo indirizzo: https://beta.apple.com/sp/betaprogram/

Iscriviti al Canale Telegram di Filippo Martin per ricevere news CLICCA QUI
TOP 10 Risorse Utili:

COME INIZIARE CON LE CRIPTOVALUTE

PER ISCRIZIONE: CLICCA QUI

Il tuo capitale è a rischio
The following two tabs change content below.
Filippo Martin

Filippo Martin

Filippo Martin – Fondatore, editore, design, direttore editoriale Giornalista pubblicista, gestisce numerosi siti web. Web Content e Web Designer da 7 anni, appassionato di finanza, tecnologia e criptovalute

Leave a Reply

×