Record di transazioni Bitcoin in Argentina, Egitto e Venezuela

I dati di Coin Dance indicano che i volumi di trading bitcoin sulla piattaforma peer-to-peer LocalBitcoins nel mese di ottobre 2018 hanno raggiunto livelli record in Argentina, Egitto e Venezuela per ragioni sostanzialmente simili ma contestualmente diverse.

Crisi in Argentina e Venezuela

La perdurante crisi economica in Argentina è probabilmente un motivo per cui molte persone hanno optato per il Bitcoin come un rifugio prezioso per la loro ricchezza. Il Peso dell’Argentina è diminuito in valore di un devastante 52 % rispetto al dollaro nel 2018, diminuendo considerevolmente il potere d’acquisto dei residenti.

Bitcoin è entrato nel vuoto come valida alternativa al Peso, offrendo stabilità relativa alle classi medie spremute del paese. La Banca centrale argentina ha persino allentato i regolamenti per consentire più bancomat BTC nel paese, nel tentativo di accendere l’economia del paese in vita.

Di conseguenza, i pagamenti BTC sono diventati comuni nel paese. Nonostante questi sforzi, l’economia del paese non sembra più vicina ad una ripresa in qualsiasi momento nel prossimo futuro, il che serve a rafforzare le condizioni che hanno portato alla crescente popolarità del bitcoin. L’adozione di Bitcoin in Argentina è ora in un picco di tutti i tempi, con un volume di trading vicino a $ 9 milioni.

La ben pubblicizzata crisi economica venezuelana ha reso inevitabile l’adozione di bitcoin nel paese, con nuovi record di volume degli scambi di BTC che sono stati raggiunti praticamente ogni giorno nel paese. I dati di Coin Dance rivelano che, indipendentemente dai cali di prezzo, i venezuelani sono tra i più prolifici utenti di bitcoin al mondo. Il volume di scambi bitcoin totali peer-to-peer del paese per ottobre 2018 è di circa 900 milioni di bolivar ($ 14,4 milioni).

Nel frattempo il governo ha intensificato i suoi sforzi per promuovere il Petro, una criptovaluta emessa dallo Stato e sostenuta dalle riserve petrolifere del paese, e persino il pagamento dei passaporti con il Petro. Il bitcoin rimane tuttavia molto più popolare nonostante questi tentativi di far crescere la popolarità della criptovaluta da parte del governo.

Il caso curioso dell’Egitto

A differenza di Argentina e Venezuela, l’Egitto non sta vivendo una grave crisi economica al momento e la Sterlina egiziana è relativamente stabile, ma gli egiziani hanno raggiunto un volume di scambi di bitcoin superiore a un milione di sterline egiziane.

Una possibile spiegazione di questo fenomeno è che gli egiziani sono sempre più diffidenti nei confronti del loro governo e della sua capacità di controllare la moneta a corso legale del paese. Si ricorderà che nel 2016 il governo egiziano ha raggiunto un accordo con il Fondo monetario internazionale per rimuovere il pegging del dollaro USA della sterlina egiziana e liberalizzare i suoi mercati forex, il che ha comportato una svalutazione del 48 % della valuta.

Molti egiziani più giovani che potrebbero essere insoddisfatti delle pesanti tendenze del governo del paese, guidati dall’ex-dittatore militare Fatah el-Sisi, potrebbero scegliere di effettuare transazioni o mantenere i loro risparmi fuori dalla griglia.

Nella maggior parte del Sud e Centro America, i volumi degli scambi di BTC hanno continuato ad aumentare con i dati di ottobre 2018 ben al di sopra della media dell’anno in Cile, Colombia e Messico. È l’opposto in Europa, con volumi di scambi che hanno ridotto il picco nel primo trimestre dell’anno. La Croazia e la Svizzera hanno sperimentato i livelli di trading più bassi questo mese.

Iscriviti al Canale Telegram per ricevere le news ---> CLICCA QUI
  Disclaimer: filippomartin.com è un sito web con finalità informative e didattiche ed i contenuti presenti non rappresentano ne un consiglio di investimento ne devono essere intesi come sollecito alla raccolta di pubblico risparmio. Anche eventuali strumenti finanziari presenti nel sito web sono solo a scopo informativo e didattico. Inoltre i CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di perdita del denaro in breve tempo a causa alla leva. Tra il 66 % e l'89% dei conti di clienti al dettaglio perde denaro facendo trading con i CFD. Dovresti quindi considerare i rischi di perdita di soldi. Inoltre le performance passate non sono indicatori di risultati futuri.
LEGGI ANCHE:

Lascia un commento

Come iniziare con BitcoinScopri di più