Virus Crypto: Quali sono e come difendersi

Virus Crypto

Virus Crypto

Chi ha a che fare con i computer, chi ci lavora o chi semplicemente li utilizza per eseguire le più comuni operazioni (es. pagamenti, accrediti, etc.) conosce i virus informatici. Fermo restando che quando si parla di virus occorre specificare che ne esistono di diverse tipologie (es. malware, spyware, etc.) è anche doveroso chiarire che, in ogni caso, si tratta di attacchi che mirano a controllare i dati informatici presenti sui dispositivi collegabili alla rete.

Proprio perchè i virus rappresentano una delle minacce principali per i dati informatici di aziende e privati, è nato un mercato costituito dagli anti-virus, ovvero da sistemi di sicurezza che pongono al riparo da attacchi di questo tipo i dispositivi informatici.

Gli antivirus come unica arma contro i virus informatici

Alcuni di questi prodotti sono particolarmente costosi, altri invece sono più accessibili dal punto di vista economico, ma in entrambi i casi occorre ricordare che proprio ora, mentre stiamo spiegando questo concetto, qualcuno da qualche parte del mondo sta inventando un nuovo virus e un nuovo metodo per attaccare i dati informatici, pertanto potremmo affermare che nessun sistema di anti-virus garantisce un livello di sicurezza del 100%.

Questo non vuol dire che non c’è alcuna differenza tra avere o non avere un software di sicurezza installato sul proprio PC. Anche se la loro efficacia può essere limitata nel tempo, oggigiorno esistono numerosi professionisti che lavorano con dispositivi digitali e che non hanno la minima idea del rischio che corrono i loro dati se non si installa un programma di protezione.

Perdere anni di lavoro oppure dati importanti a causa di un attacco hacker è un rischio troppo grande, che nessun professionista può permettersi di correre; per questo vale sempre la pena di investire una somma di denaro per installare sui dispositivi utilizzati un programma anti-virus che sia in grado di arginare questo pericolo.

NON PERDERTI LA MIA GUIDA: Come fare trading con Bitcoin

Virus Crypto: cos’è e come agisce

Alcuni degli attacchi hacker più temuti sono i Virus Crypto, si tratta di un’incursione nel PC o in qualsiasi dispositivo connesso alla rete che permette ai malintenzionati di criptare tutti di file e i dati contenuti nell’hardware.

In sostanza, con Virus Crypto il proprietario del dispositivo informatico non riesce più a vedere i propri documenti perché questi non possono essere letti se non si è in possesso di una chiave criptata che, guarda caso, è posseduta da chi ha commesso il misfatto.

A questo punto, coloro che hanno hackerato il PC con un Virus Crypto, comunicano al malcapitato che se vuole avere la chiave criptata che gli permetterà di entrare nuovamente in possesso dei suoi file e dei suoi dati informatici, è necessario pagare una somma di denaro. Si tratta di un ricatto a tutti gli effetti e spesso, assecondare la richiesta economica, viene vista come l’unica soluzione possibile per uscire da questa situazione nel più breve tempo possibile e riacquistare le informazioni perse.

L’unico modo per evitare di vivere queste spiacevoli circostanze è la prevenzione, ovvero disporre di sistemi di sicurezza installati sui propri dispositivi connessi alla rete, in modo tale da proteggerli dagli attacchi hacker come i Virus Crypto.

Virus Crypto: come si diffondono e come evitare di subire un attacco

I Virus Crypto vengono diffusi tramite allegati inviati mediante l’indirizzo di posta elettronica della vittima. In passato, invece, i dati e i file presenti su un computer venivano criptati da remoto, ma in tal caso il target maggiormente coinvolto era quello aziendale; attualmente invece i Virus Crypto rappresentano una minaccia per tutti.

Tutti coloro che dispongono di un indirizzo di posta elettronica hanno a che fare quotidianamente con gli spam e con le mail pubblicità/spazzatura. Alcune di queste sono completamente innocue e vengono inviate da aziende o siti ai quali abbiamo comunicato il nostro indirizzo e-mail, in tal caso lo scopo delle mail è di tipo pubblicitario. Purtroppo, esistono anche alcuni messaggi di posta elettronica che rappresentano delle vere e proprie minacce perché contengono, a loro interno, allegati che in realtà possono essere dei Virus Crypto e che, se aperti, si installano in automatico nel PC provocando l’hackeraggio dei dati informatici contenuti al suo interno.

Quando Virus Crypto si auto-installa su un computer, il proprietario del dispositivo non se ne accorge fino a quando, accendendo il PC, nota che il file e i dati sono stati tutti criptati. Spesso, alcuni di questi documenti, vengono rinominati dai malfattori che cambiano l’estensione del file (es. .docx, .pdf, etc.) con il nome del team di Hacking che ha creato lo script. Una volta compiuta la manovra di hackeraggio dei file i cyber delinquenti escono dal PC cancellando qualsiasi traccia.

CryptoLocker: un Virus Crypto dal quale proteggersi

CryptoLocker

CryptoLocker

CryptoLocker si auto-installa sui PC attraverso allegati presenti in alcune mail, si tratta di un ransomware che cripta i dati contenuti in alcuni file presenti sul computer della vittima con lo scopo di chiedere, in cambio della chiave che permette di decifrare i dati, il pagamento di un riscatto.

CryptoLocker è uno dei più conosciuti tra i Virus Crypto, infatti, secondo alcuni dati raccolti nel 2017 sembra che circa il 75% delle aziende che hanno subito un attacco hacker siano state colpite proprio da questo team di hackeraggio.

CryptoLocker fa parte dei ransomware detti encryption e si sviluppano attaccando i documenti presenti in un PC, criptandoli con una password e impedendo l’accesso al file. La prima volta in cui si è parlato di questo software risale al 2013 e stando alle informazioni raccolte, nel giro di pochi anni, gli ideatori di questo programma che infetta i computer hanno guadagnato circa 27 milioni di euro grazie alle estorsioni.

Negli anni successivi il malware è stato migliorato con lo scopo di colpire le piccole e medie imprese impedendo ai PC dei dipendenti di poter funzionare correttamente.
La tecnica utilizzata da questo software per infettare un computer può essere da remoto – nel caso di PC che fanno parte di una rete detta botnet – oppure tramite una e-mail che ha tutte le caratteristiche di un messaggio di posta elettronica inviato da un ente istituzionale e che quindi trae in inganno la vittima che apre la mail e scarica l’allegato e installando, senza rendersene conto, il malwere sul PC.

Nella maggior parte dei casi si tratta di un file zip al cui interno è presente un file accompagnato da un’icona e un’estensione in PDF. Tuttavia, il file in questione è un finto PDF perché la sua reale estensione è .exe, ovvero un file eseguibile.

Si tratta di un trucchetto che Windows ha messo involontariamente a disposizione dei cyber criminali, dal momento che non mostra l’estensione dei file per intero. Pertanto un file chiamato nomefile.pdf.exe. verrà mostrato come un comunissimo documento PDF.

ACQUISTA E VENDI BITCOIN SU ETORO —> Clicca qui

Come difendersi da CryptoLocker?

Come abbiamo visto l’installazione di CryptoLocker su un PC può avvenire in modo molto semplice perché la vittima è tratta in inganno da due fattori:

· estensione del file, che sembra essere un PDF ma in realtà è un eseguibile;

· mail a carattere istituzionale, che spinge il malcapitato ad aprire il messaggio di posta elettronica e l’allegato.

Ma allora come proteggersi da CryptoLocker? Anche se può sembrare un sistema diabolico dal quale non si ha scampo, in realtà è sufficiente installare un antivirus che sia in grado di individuare tali minacce, impedendo al proprietario del PC di incappare in questo spiacevole inconveniente.

Avere un antivirus potrebbe non bastare. Affinché questo software esegua le sue operazioni di controllo e messa in sicurezza del dispositivo informatico è necessario che venga aggiornato periodicamente, perché i team di hackeraggio studiano di continuo nuove tecniche per arginare tali sistemi.

Un altro metodo che può risultare molto utile a prevenire l’installazione di Virus Crypto sul proprio PC è quello di evitare di aprire le mail quando si hanno dei dubbi sul mittente e soprattutto di verificare sempre l’estensione dei file allegati ai messaggi di posta elettronica.

Inoltre, quando si possiedono dati e file importanti sul proprio PC, è importante eseguire un backup periodico. Si tratta di una procedura grazie alla quale viene salvata e messa da parte (hard disk esterno) la copia dei file più importanti che rimarrebbe protetta anche in caso di hackeraggio del computer.

NON PERDERTI LA MIA GUIDA: Come fare trading con le Criptovalute

Lascia un commento