Affiliate Marketing: Cos’è, Come Funziona, Quanto si Guadagna?! Migliore GUIDA 2019

Affiliate Marketing è un modo per pubblicizzare i prodotti sfruttando le potenzialità della rete. Ma in che modo avviene l’operazione di marketing? E come è possibile guadagnare dei soldi facendo marketing di affiliazione?

Quella che stai per leggere è la migliore guida 2019 che spiega cos’è l’Affiliate Marketing, come funziona e quali sono le reali opportunità di guadagno in questo settore.

Affiliate Marketing: che cos’è?

Il Marketing di affiliazione è un accordo commerciale, utilizzato da case produttrici di merce o semplicemente dai siti che si occupano della vendita degli articoli, grazie al quale è possibile raggiungere un numero maggiore di potenziali acquirenti.

L’accordo prevede la presenza di due figure:

l’inserzionista, ovvero colui che promuove l’app, il prodotto o l’articolo da scaricare o acquistare;

l’affiliato, ovvero la persona che ospiterà l’inserzione sul proprio sito, blog o pagina social.

SE VUOI IMPARARE LE MIGLIORI STRATEGIE PER L’AFFILIATE MARKETING, GUARDA IL MIO VIDEO E ACCEDI SUBITO!

Si tratta di pubblicità a tutti gli effetti, ma in una veste completamente nuova rispetto a quella che abbiamo visto fin qui perché sfrutta la rete come strumento per arrivare al consumatore invogliandolo ad acquistare il prodotto online.

Per comprendere meglio cosa s’intende con il termine Affiliare Marketing proviamo a semplificare il concetto con un esempio pratico.

Amazon, il più grande sito di e-commerce al mondo, sfrutta il Marketing di affiliazione per pubblicizzare i prodotto acquistabili sul sito.

In pratica, l’azienda di Seattle si accorda con delle persone qualsiasi che in genere dispongono di un blog, di un sito, di una pagina Facebook o di un account Instagram affinché questi pubblichino sui loro canali social un link che riconduca ad un determinato prodotto. Un esempio pratico di un sito che al suo interno contiene prodotti in affiliazione è https://prodottidimagranti.net/ dove al suo interno trovate diversi prodotti per dimagrire e che sono stati presi da diversi network di affiliazione come Affiliation park, Worldfilia, Nutriprofits.

Amazon è solo uno dei siti che offre questo tipo di accordo commerciale, ma ne esistono molti altri come: Zalando, Yoox, Expedia, Hotels.com e così via.

VEDI ANCHE QUESTA PIATTAFORMA DI AFFILIAZIONE ITALIANA CHE IO UTILIZZO —> Affiliation Park

Tutte le persone o i followers che acquisteranno quell’articolo cliccando sul link pubblicato sul canale social dell’ affiliato, permetteranno a quest’ultimo di avere diritto ad un guadagno del 10% dell’importo pagato dall’acquirente nel caso di Amazon o commissioni anche del 40% con Affiliation Park

L’impegno della persona che prende parte al marketing di affiliazione consiste nel pubblicare il link del prodotto. Tutto qui.

Affiliate Marketing: come funziona?

Dal momento che si tratta di marketing è chiaro che sono necessarie delle strategie per attirare quante più persone o visitatori è possibile sul proprio sito o canale social. Questo rappresenta l’unico modo per guadagnare seriamente con l’Affiliate Marketing.

Ma come si fa ad ottenere un quantità di “traffico” sufficiente a guadagnare con il marketing di affiliazione?

Quello di cui stiamo parlando è uno dei punti chiave dell’Affiliate Marketing perché rappresenta il tassello necessario a rendere redditizio questo business.

Uno delle tecniche più immediate per ottenere il suddetto “traffico“, ossia l’insieme di visitatori che accedono al tuo canale, consiste nell’acquistarlo da diverse fonti.

Tra le piattaforme che offrono questo tipo di “prodotto” abbiamo Google Adwords e Facebook Ads.

Quello di cui stiamo parlando è una metodo conosciuto con il nome di paid advertising e per comprenderlo affondo proviamo a spiegare il concetto con un esempio.

Se ho un accordo di Affiliate Marketing con un sito di e-commerce ma non dispongo di un canale (blog, sito o pagina social) con un numero di visitatori tale da permettermi di guadagnare, posso pagare alcune pagine social di successo perché pubblichino il banner del mio blog o del mio sito.

In questo modo chiunque cliccherà sul banner verrà automaticamente ricondotto al mio canale facendo aumentare il numero di visitatori.

SE VUOI IMPARARE LE MIGLIORI STRATEGIE PER L’AFFILIATE MARKETING, GUARDA IL MIO VIDEO E ACCEDI SUBITO!

 

Come si guadagna con l’Affiliate Marketing?

Ora che abbiamo compreso quali sono i punti cardine e perché questo business produca guadagni stellari, proviamo a capire quel è la strategia da adottare quando si decide di entrare in questo mondo.

Il primo passo da compiere consiste nell’ottenere un accordo di Affiliate Marketing da promuovere. Per raggiungere questo primo e importantissimo obbiettivo devo cercare un’azienda, un prodotto o un servizio da sponsorizzare a pagamento.

Dal momento che non è possibile mettersi in contatto direttamente con le aziende per siglare il suddetto accordo è sufficiente cercate dei piattaforme conosciute come Affiliate Network.

In pratica si tratta di siti internet che svolgono una funzione di intermediazione tra le aziende, che hanno bisogno di pubblicizzare i propri prodotti, e le persone che vogliono siglare un accordo di Affiliate Marketing.

VEDI —> Affiliation Park

Si tratta di un Marketplace dove avviene l’incontro tra domanda ed offerta e, a proposito di offerte, su queste piattaforme ce ne sono davvero tante, perciò possiamo affermare che il passaggio successivo consiste nell’individuare quelle più remunerativa.

Per valutare la bontà del accordo di Affiliate Marketing è necessario valutare l’offerta in base al CPA proposto, ovvero al “cost-per-acquisition”. Il CPA, altro non è, che il guadagno che spetta all’affiliate marketer per ogni persona che clicca sul link di affiliazione.

Il CPA non deve essere confuso con il CPS, che è l’acronimo di “cost-per-sale”, che invece indica il guadagno che spetta all’affiliato solo se il prodotto che viene realmente acquistato. Pertanto in termini di convenienza, è possibile affermare che il CPA offre maggiori opportunità di guadagno rispetto al CPS.

Infatti, il primo diventa redditizio per ogni utente che scarica un’app o acquista un articolo gratuito, il secondo invece prevede un guadagno, espresso in percentuale, solo se il prodotto viene acquistato.

Oltre ai metodi remunerativi appena descritti, ne esistono altri ossia:

– il CPM, ovvero “cost-per-mille-impression” che offre opportunità di guadagno in base al numero di visualizzazioni;
il CPC, ovvero “cost per click” che invece offre la possibilità di guadagnare per ogni utente che clicca sul link di accesso al sito inserito nel banner.

Una volta che ho scelto il prodotto da sponsorizzare, posso creare i banner e campagne pubblicitarie (tutti diversi) da vendere sui canali più idonei per quel tipo di articolo.

Generalmente si consiglia di produrre almeno 10 banner, e campagne pubblicitarie; in effetti quest’operazione può essere paragonata alla pesca: maggiori sono le esche maggiori sono le opportunità di guadagno.

Perché i banner e campagne pubblicitarie devono essere diversi? Perché serve all’affiliate marketer per studiare una strategia vincente.

Grazie questa diversificazione, infatti, potrei avere l’opportunità di comprendere che esistono dei colori per il banner che attirano di più l’attenzione rispetto ad altri oppure che la dicitura “download” è meno incoraggiante rispetto a “clicca qui”.

Ovviamente il banner e campagne pubblicitarie devono essere progettati in modo tale da ricondurre al link di affiliazione con il quale ho fatto l’accordo.

Una volta che la campagna è stata ufficialmente avviata sarà necessario monitorare, di volta in volta, quali sono i più fruttuosi e quali quelli meno remunerativi. In base a queste informazioni è possibile decidere di ritirare quelli che segnalano risultati negativi, puntando sui banner che hanno offerto maggiori opportunità di guadagno.

L‘Affiliate Marketing, in ogni caso, comporta l’investimento di un capitale iniziale.

Talvolta sono necessarie diverse migliaia di euro iniziali prima di intravedere dei guadagni e spesso questo è la causa dello sconforto che coinvolge la maggior parte delle persone che tentano questa strada.

Per questo tipo di percorsi servono persone che siano in grado di guardare all’Affiliate Marketing come al futuro del web marketing e come ad una reale opportunità di guadagno.

Certo all’inizio è probabile che si perdano dei soldi, ma fa parte di un percorso di formazione da autodidatta che ti permetterà di apprendere quali sono le migliori tecniche in questo settore, ti insegnerà ad utilizzare i principali tools che ti consentono di controllare le conversione e valutare quali sono i banner più remunerativi, impererai a convertire i visitatori in acquirenti tramite la creazione di Landing page, scoprirai che esistono nuove e meno onerose e conosciute fonti di traffico oltre a Facebook e Google Adwords e, cosa davvero importante, comprenderai quali sono i banner che funzionano meglio degli altri.

Alla luce di tutto ciò si può affermare che il capitale perso nei primi mesi di Affiliate Marketing equivale al costo di corso avanzato sull’argomento.

Come per tutte le fonti di guadagno, l’Affiliate Marketing non è un mercato che promette soldi facili, i guadagni sono reali e ci sono persone che riescono ad avere un reddito che supera i 1.000 euro al giorno, tuttavia non è una cosa fattibile nel giro di poco tempo.

La maggior parte delle persone che, dopo un periodo di prova, rinunciano a questo business lo fanno perché hanno sottovalutato le difficoltà intrinseche all’Affiliate Marketing e, allo stesso tempo, non hanno compreso le sue reali potenzialità.

Nel 90% dei casi, chi rinuncia dopo i primi fallimenti si era lasciato illudere dalle storie di chi guadagna decine di migliaia di euro al mese, pensando che gli sarebbe bastato alzarsi una mattina e decidere di buttarsi nel mondo dell’Affiliate Marketing per diventare milionario.

Affiliate Marketing e Roi Martin: qual è il nesso?

Il mondo dell’Affiliate Marketing è molto più complesso di come lo abbiamo semplificato in quest’articolo.

Decidere di entrare a far parte di questo mercato con una formazione da autodidatta è possibile ma rappresenta un azzardo.

Per questo motivo ti cito i miei corsi Roi Martin ai quali iscriverti per imparare quanto c’è da sapere dell’Affiliate Marketing.

Sintesi delle strategie di Affiliate Marketing

Per comprendere a fondo qual è il percorso da compiere per chi opera in questo mondo abbiamo pensato di sintetizzare tutto il processo di alcuni chiari punti:

1- Scegliere il prodotto o l’app da sponsorizzare con i banner e stabilire con l’inserzionista il metodo di remunerazione;

2- Trovare le pagine social o i siti internet disposti a pubblicare i banner e concordare con loro il costo del pay advertaising;

3- Creare diversi banner e monitorarne l’andamento;

4- Eliminare i banner poco remunerativi o infruttuosi, in favore di quelli che garantiscono maggiori opportunità di guadagno;

5- Rinnovare continuamente i banner migliorandone la creatività e le potenzialità di marketing.

SE VUOI IMPARARE LE MIGLIORI STRATEGIE PER L’AFFILIATE MARKETING, GUARDA IL MIO VIDEO E ACCEDI SUBITO!

Lascia un commento