Codice Tributo 110T: Cos’è e come compilare Modello F23

Con il modello F23 vengono pagate alcune tipologie di imposte, tasse e sanzioni.
Si utilizza questo modello per il versamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, gestite dagli uffici dell’Agenzia delle Entrate, per pagare i canoni per le concessioni del demanio, ed anche per il pagamento di sanzioni inflitte da autorità giudiziarie e amministrative contravvenzioni.

Codice Tributo 110T: Cos’è ed a cosa si riferisce?

Il codice tributo 110T si utilizza per l’imposta di registro – cessione contratti di locazione e affitto

Come pagare il codice tributo 110T

In caso di cessione del contratto di locazione e affitto di beni immobili, l’imposta di registro, autoliquidata dalle parti, va versata entro 30 giorni.

Il relativo attestato di versamento va presentato all’ufficio delle Entrate dove è stato registrato il contratto di locazione entro 20 giorni dal pagamento.

Al fine di portare a conoscenza dell’Agenzia delle Entrate le variazioni avvenute.

Il modello stampato in triplice copia va pagato:

  • Ufficio postale
  • Istituti bancari
  • Presso gli uffici della Agenzia delle entrate,

Due copie resteranno al concessionario ed una copia verrà restituita al contribuente.

110T Codice tributo: Come compilare il modello F23

Per la cessione di locazione, si applica l’imposta di registro del 2 per cento sul valore delle prestazioni ancora da eseguire.
In tutti i casi, l’ammontare minimo dell’imposta dovuta per la cessione dei contratti di locazione e affitto di beni immobili urbani, non può essere inferiore a euro 67,00

Per la cessione a titolo gratuito, l’imposta è fissata nella misura fissa di 67,00 euro.

Il modello va compilato con i dati identificativi del nuovo locatario e di quello uscente i dati della registrazione del vecchio contratto di locazione, che si ricavano dal timbro del contratto bisogna indicare il codice 110T i dati dell’ufficio di competenza

Cosa fare se ho sbagliato codice tributo?

Gli errori formali che possono scaturire nella compilazione del Modello F23, possono essere rimediati tramite una comunicazione in carta libera da trasmettere all’ufficio di competenza. Nel caso di errore nell’indicazione del codice ufficio occorre trasmettere la comunicazione sia all’ufficio di competenza sia all’ufficio erroneamente indicato nel modello F23.

Ravvedimento e Sanzioni codice 110T

Si può procedere al ravvedimento se l’ufficio non ha ancora notificato il mancato pagamento si applicano le seguenti tipologie di sanzioni ridotte:

del 0,1% (1/5 di 1/10 del 15%, per ogni giorno),

dal 1° al 14° giorno; 1,50% (1/10 del 15%)

dal 15° al 30° giorno; 1,67% (1/9 del 15%)

dal 31° al 90° giorno; 3,75% (1/8 del 30%)

oltre il 90° giorno e entro un anno;

4,29% (1/7 del 30%) se il ritardo supera un anno ma non i due anni;

del 5% (1/6) se il ritardo supera i 2 anni.

I giorni di ritardo nel pagamento, vanno calcolati 30 giorni dopo che è la scadenza naturale:

  • del verificarsi della risoluzione o della cessione del contratto;

  • della decorrenza della proroga.

I codici da utilizzare sono assieme all’imposta omessa sono:

Codice 671T: sanzione

Codice 731T: interessi moratori, calcolati al tasso legale

Codice tributo 110T: Conclusioni

Ricordiamo che questo modello è stato sostituito dal modello F24 Elide dal 01/01/2015

Il pagamento può essere effettuato con il modello F24 elide codice tributo 1502.

Lascia un commento